Videointervista a Giuseppe Verzetti - Gipòt (1° parte)

  • Giuseppe Verzetti
    Videointervista (Piero Raiteri) a GIUSEPPE VERZETTI Gipòt (1925), contadino, Villa del Foro, 22.5.015. (PRIMA PARTE)
  • Giuseppe Verzetti
    Alimentazione tradizionale fra le due guerre: non c’era l’abbondanza, ma non si faceva neanche la fame. Ogni famiglia aveva l’orto e allevava qualche gallina e qualche coniglio
  • Giuseppe Verzetti
    Una sua parente faceva i capponi e li andava a vendere in città, comperando merluzzo e acciughe. Dolci delle feste: ra pula per Pasqua e er crumbòt per Natale
  • Giuseppe Verzetti
    In paese erano attivi due forni: uno sulla strada per Oviglio, l’altro in via Maestra, dirimpetto al fiume. Si panificava in casa una volta alla settimana e si portava a cuocere al forno. Forme di pane più usate: cagnulen, vianeiza, navet con 4 curgnùa
  • Giuseppe Verzetti
    La mostarda fatta col mosto di vino, con dentro pezzi di zucca e di frutta (fichi verdi, pere)
  • Giuseppe Verzetti
    D’inverno si consumava l’areng cotto sulla brace, con contorno di insalata di cipolla cotta; il sarac, grossa acciuga affumicata; i pavron mujà nei graspi, conservati in grosse pentole di coccio, a strati
  • Giuseppe Verzetti
    Molto usata anche la bagna cauda, sia in famiglia che fra amici
  • Giuseppe Verzetti
    Al ribòti, cene invernali in compagnia, a base di lepre, maiale ecc.
  • Giuseppe Verzetti
    Vigne in paese: due o tre per famiglia. Zone vitate: Cirano, Bogliole, San Damiano, Groppello: terre un po’ rosse adatte a produrre barbera, lambrusca, senren-na. Uve da pasto: moscato d’Amburgo, alienga. Vino Mericanen, rosatello
  • Giuseppe Verzetti
    Si vinificava ad uso famiglia: dopo il primo vino, il secondo smuovendo i graspi e aggiungendo acqua e zucchero; poi terzo vino: mes-cia senza gradi, da bere subito (buona con le castagne cotte)